Gabriella Calise - Orchideria di Morosolo - una medicina per l' anima

Vai ai contenuti

Menu principale:

Gabriella Calise

1. come si è verificato il tuo primo incontro con le orchidee? come ti sei appassionato?
per una festa della mamma mi sono regalata una palenophis, era bellissima!, ho i figlioli che vivono lontani e ho fatto tutto da sola: festa, regalo, torta ecc.ecc.
 
2.  da quanti anni?
non ricordo esattamente, credo 6 o 7 anni fa.
 
3.  quante piante hai?
le ho contate proprio stamattina, sono 13...........gran brutto numero! occorre aumentarlo subitissimo!
 
4.   quali piante costituiscono il cuore della tua collezione?
assolutamente le palenophis, sono quelle che conosco meglio e che trovo anche al supermercato a un prezzo bassissimo. Di recente a una mostra a Varese ho preso 2 scarpette di Venere, n ne conosco il nome scientifico (mi fate invidia voi allevatori che sapete tutti i nomi giusti!!!)
 
5.   attualmente quale preferisci?
la prima palenophis che ho ancora con me, è una pianta specialissima, è il regalo virtuale che i miei figlioli avrebbero voluto farmi. Delle altre non ne conosco il nome.
 
6.  come coltivi?
le tengo tutte sui davanzali delle finestre, ho una casa molto grande e tantissime finestre...e quindi avrò tanto spazio per future piante. Quasi tutte le mie palenophi sono nate dalla prima e rifioriscono??
 
7.  usi illuminazione artificiale?
no, assolutamente, solo luce naturale. la casa ha un'ottima esposizione e d'estate quando batte il sole, accosto le persiane e le piante sembrano gradire la soluzione, quidi anche l'aria calda di giorno opportunamente dosata e il fresco della notte. Non le porto mai fuori....
 
8.  solitamente gli appassionati trovano soluzioni a volte geniali per risolvere vari problemi di coltivazione casalinga. hai qualche idea da segnalare?
risparmio alle mie piante qualunque stress, le tocco poco e le bagno molto poco, solo quando il vaso è leggero come mi ha insegnate lei caro signor Pozzi, ma ho notato che gradiscono l'acqua frizzante soprattuto molto frizzante......
    
9. e quali errori?
l'errore più comune e l'annegarle, come è successo a una vanda  che mio marito mi aveva regalato per il mio compleanno presa da lei 3 anni fa....quando è morta è stato un dolore e non esagero, ogni pianta
   
è legata a un particolare momento.
 
10. e i tuoi sogni nel cassetto?
avere tantissime piante di varie specie, e di impararne il nome!
 
11.la coltivazione e quindi la passione per le orchidee ha influito sul rapporto con te stesso e con chi ti sta vicino?    
caro amico, lei la chiama coltivazione, io lo chiamo allevamento......le mie piante sono proprio come i miei animali che ho in buon numero, abito in campagna in una cascina che stiamo ristrutturando e quindi ho spazio a volontà, amo ogni pianta e animale e vive con me, e quando mi muore "un membro della famiglia" piango come una fontana, come è successo 2 mesi fa quando è mancato il mio cagnone....ecco con le orchidee succede lo stesso, ora ne ho un paio che hanno le orecchie da coker come dice lei....non mi sono arresa: dopo circa 2 mesi hanno messo una fogliolina nuova...........ho urlato di gioia e ho chiamato mio   marito felicissima...........è a questo punto che lui ha deciso che sono da ricovero......ma lui non capisce...




 
Torna ai contenuti | Torna al menu