Giuliano stella - Orchideria di Morosolo - una medicina per l' anima

Vai ai contenuti

Menu principale:

Intervista a Giuliano Stella

- Come si è verificato il tuo primo incontro con le orchidee? Come ti sei appassionato ?
Per motivi professionali ho avuto la possibilità di lavorare in diverse nazioni, fino a che il destino mi ha portato a lavorare in tutta l’isola di Cuba dove ho vissuto per quattro anni e mezzo.
Come tutti, i primi tempi ho visitato tutti i luoghi di interesse turistico fino a che sono arrivato all’orchidario di Soroa dove grazie ad un amico cubano (che al momento è il maggior collezionista di felci in Cuba) ho conosciuto il direttore di tanta bellezza e da lì parola tira parola è incominciata la mia passione per le orchidee.
Con il passare degli anni ho scoperto molti posti dove potevo ammirare e raccogliere le splendide orchidee endemiche,fino ad avere la recinzione della casa dove vivevo carica delle meravigliose creature.

- Da quanti anni ?
Sono passati ormai tredici anni .

Quante piante hai ?
Penso una quarantina

Quali piante costituiscono il cuore della tua collezione ?
C’è un po' di tutto Phaleanopsis, , Dendrobium, Epicattleya, Epidendrum, Encyclia, , Brassavola, Angraecum, Oncidium, Cambria…

Attualmente quali preferisci ? (genere, miniature, profumate, provenienza ecc)
Preferisco le miniature o le varietà di taglia piccola tenendo le piante in casa (appartamento)

- Come coltivi ? (casa, serra, orchidario)
La mia coltivazione si svolge nell’appartamento dove vivo con le piante distribuite un po’ in cucina,sala e bagno di questo passo mi vedrò costretto a vivere sulle scale.

- Usi l'illuminazione artificiale? Se si di che tipo? Ne sei soddisfatto ?
Per i motivi di cui sopra no.

- Solitamente gli appassionati trovano soluzioni a volte geniali per risolvere i vari problemi di coltivazione casalinga. Hai qualche idea da segnalare ?
Tentando di resuscitare le piante in condizioni disperate uso sfagno-terapia,idro-cultura, sacchetti di plastica ma nulla più di questo.

- E quali errori ?
Molti ma forse il peggiore è stato quello di abbondare nelle annaffiature e di fare annegare le piante.

- E i tuoi sogni nel cassetto ?
Ritornare a Cuba sui monti delle Gran Piedra in Santiago de Cuba ed ascoltare il zummmzummm dei colibrì mentre osservo le orchidee che tanto bene conosco.

- La coltivazione e quindi la passione per le orchidee ha influito sul rapporto con te stesso e con chi ti sta vicino, Se si in che modo?
Il fatto di prendermi cura di loro mi rilassa e mi fa stare bene ed è motivo di orgoglio poter far vedere ad altre persone le magnifiche fioriture.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu