Pinotti Emanuela - Orchideria di Morosolo - una medicina per l' anima

Vai ai contenuti

Menu principale:

Intervista a Pinotti Emanuela

- Come si è verificato il tuo primo incontro con le orchidee? Come ti sei appassionato ?
E' cominciato tutto un pò da bambina, mia madre coltivava i Cymbidium,e io la osservavo mentre armeggiava con bark e vasi e mi chiedevo cosa stesse facendo con quelle piantone che ogni tanto divideva per crearne di nuove. Allora non capivo che già mi avevano stregato è che da adulta avrei proseguito nella coltivazione cercando sempre nuove specie. La mia prima orchidea fu una classica Phalaenopsis comprata a un supermercato bianca con il fascino effimero della Phalaenopsis,a lei ne seguirono molte altre e molte altre ancora.

- Da quanti anni ?
Da tanto tempo ormai da circa 26, anche se una decina li ho passati solo con Phalaenopsis, poi ho cominciato con le altre varietà.

- Quante piante hai ?
Ho molte piante, non ho una numero preciso ma si aggira sui 200 /250 esemplari

- Quali piante costituiscono il cuore della tua collezione ?
Spazio su tutti i fronti,ho parecchi Dendrobium, Vanda botaniche e ibride, Phalaenopsis, botaniche, Stanhopee, Aerangis, Laelie rupicole, Cattleye, Coleogyne, Gongore, Brassie,   Oncidium, Renanthere, oddio e poi tante  tante altre ancora...ma sempre poche!

- Attualmente quali preferisci ? (genere, miniature, profumate, provenienza ecc)
Generalmente mi affascinano le miniature così piccole delicate ma con una forza decisamente indescrivibile, però mi lascio trasportare da tutto quello che mi provoca emozione sopratutto fiori o sarà strano le radici quindi non mi soffermo a pensare a profumo o provenienza, sto solo attenta al fatto che abbiano le stesse esigenze in fatto di coltivazione.

- Come coltivi ? (casa, serra, orchidario)
Ho una piccola serra in policarbonato attrezzata al meglio per riscaldare e tenerle al sicuro e qui tengo le orchidee più voluminose e parte delle miniature. In casa invece ho un orchidario dove tengo  altre  miniature.

- Usi l'illuminazione artificiale? Se si di che tipo? Ne sei soddisfatto ? 
In serra solo luce naturale in orchidario 4 tubi led due caldi due freddi e sono molto contenta perchè ho visto molti cambiamenti nelle piante

- Solitamente gli appassionati trovano soluzioni a volte geniali per risolvere i vari problemi di coltivazione casalinga. Hai qualche idea da segnalare ?
Per quanto riguarda la coltivazione in casa non ho molto da dire sono sempre stata un po' autodidatta e ho adottato poche soluzioni ingegnose perche avendo grandi davanzali avevo molta luce a disposizione una buona areazione.

- E quali errori ?
Voler coltivare in casa le Vanda, ne ho uccise parecchie e l'altro grosso errore è voler
 gestire  la serra come un ufficio con l'ordine: impossibile, nella mia regna il caos assoluto, non c'è modo di sistemare, ogni volta do' la colpa al poco spazio ma sicuramente sarebbe lo stesso se ne avessi a disposizione il doppio.

- E i tuoi sogni nel cassetto ?  
Nel cassetto si, ma presto uscirà ...una nuova serra più grande e più gestibile della mia piccola con magari un angolino per potersi sedere ed ammirare tutte le piante e rimanere lì in silenzio con loro, vederne fiorita alcuna che non mi ha ancora concesso la grazia e poi magari qualche specie particolare un pò rara!

- La coltivazione e quindi la passione per le orchidee ha influito sul rapporto con te stesso e con chi ti sta vicino, Se si in che modo? 
Le orchidee mi calmano, mi rasserenano, mi donano un senso di pace che non riesco a descrivere. Ogni volta che scopro nuovi getti o fiori e' una gioia, passare del tempo con le orchidee mi cambia la giornata non è mai fatica, e' sempre un piacere avere da fare con loro.
La ricerca di un fiore di un getto sono come una caccia al tesoro per un bambino .
Le orchidee sono semplicemente una cosa meravigliosa.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu